Close

Parole Chiave: Fohat

VOCABOLARIO

Altre definizioni per Fohat

La forza primordiale o vitalità nel cosmo. È ciò che unisce spirito e materia nei primi stadi della differenziazione. Negli stadi manifestati dell’universo, fohat è la forza che causa la differenziazione dall’uno ai molti, mentre, allo stesso tempo, è la potenza che unisce e combina le varie unità e atomi del cosmo. La derivazione della parola “fohat” è stata oggetto di considerevoli differenze di opinione tra gli scrittori teosofici. C’è comunque un certo accordo per il suggerimento che la parola sia di origine turanica, più specificamente mongola, da una radice verbale fo. (G. Purucker, Studies in Occult Philosophy , 1945, p. 584). Secondo Purucker, fo o più propriamente foh è usato in quella lingua come “il nome di Buddha”.

Fohat può essere descritto come “vitalità cosmica” o il prana dell’universo. È stato considerato come l’energia universale che include tutte le forze della natura. È la forza energizzante dell’universo. La forza è spesso vista come un’energia cieca, ma Fohat non è affatto cieco, ma un potere diretto e intelligente, o in altre parole, un potere intriso di scopo.

Nella visione del Cosmo di Helena P. BLAVATSKY, l’intero universo manifestato è il risultato dell’interazione dell’IDEAZIONE COSMICA con la SOSTANZA COSMICA – e Fohat ha origine da tale interazione. Fohat rappresenta o corrisponde in natura alla forza che genera tensione e tuttavia è ancora la tensione risultante stessa ( SD I:16).

Alice Bailey afferma che

Agni è Fohat, la triplice Energia (emanante dall’Ego logoico) che produce il sistema solare, il veicolo fisico del Logos, e anima gli atomi della sostanza. Egli è la base del processo evolutivo, o la causa dello sviluppo psichico del Logos, ed è quella vitalità che alla fine opera una sintesi divina in cui la forma si avvicina alla domanda soggettiva e, dopo essere stata coscientemente diretta e manipolata, è finalmente scartato” ( Trattato sul fuoco cosmico , p. 610).

Qualsiasi discussione generale su Fohat sarà invischiata nel paradosso. Quando è visto in modo ampio e analizzato, Fohat sarà visto come una serie complessa e talvolta sconcertante di poteri e qualità che sembrano avere poca o nessuna unità nonostante abbiano una fonte comune.

Fohat è potere in una forma dinamica ed è lo scopo creativo che scorre attraverso l’universo manifestato, ma può, in contrasto con la “creatività”, manifestarsi come una feroce forza distruttiva. Quindi può essere considerato come una dualità, essendo Fohat sia la potenza attiva “maschile” che Shakti (femminile), il potere riproduttivo in natura. In This Dynamic Universe (TPH, 1951, p. 7) questa dualità è stata paragonata alla funzione di un sigillo e cera, Shaktiè la capacità di raccogliere un’impronta, inerente alla cera e ad altri materiali plastici e cedevoli, mentre Fohat è la potenza che fa l’impronta, il sigillo, il timbro o la morte stessa, imprimendo sulla cera ricettiva una replica delle proprie caratteristiche. Sia Fohat che ®akti rappresentano le differenziazioni del più ampio Fohat universale come Forza Una.

È possibile raffigurare Fohat su larga scala come un’energia dinamica pulsante, non dissimile dall’elettricità, ma non identificata con essa. A differenza dell’elettricità, Fohat è stato piuttosto visto come una coscienza vasta e cosmica che opera a ogni “livello” del cosmo e collega ogni piano all’altro; spirito alla mente e mente alla materia. In tal senso Fohat potrebbe essere descritto come il “legislatore” dell’universo.

È necessario delineare, nel modo più chiaro possibile, un’immagine di come Fohat si manifesta e opera, tenendo presente che non è ciò che si manifesta, ma l’energia invisibile dietro quella forma manifestata. Nel regno minerale Fohat emerge come fenomeni come l’elettricità, sebbene il lavoro effettivo svolto dall’elettricità sia in virtù del movimento degli elettroni. Appare anche a livello materiale come prana dove organizza la materia come materiale vivente. Nella forma animale senziente Fohat è molto complesso, poiché sovrapposto alle due “forme” sopra menzionate è il potere riproduttivo creativo di kundalini . ( Vedi PRANA; KUNDALINI.)

Potremmo considerare la situazione in cui la materia esisteva nella sua forma più elementare, chiamata nella teosofia Mulaprakrti . È necessaria una forza intenzionale per smuovere questa materia fondamentale per costruire forme e combinazioni più complesse: quella forza è Fohat; quella forza continua ad essere presente man mano che emergono forme sempre più complesse, sebbene Fohat, necessariamente, cambi il suo carattere per adattarsi alle esigenze di ogni livello dell’essere.

Blavatsky riassume molto bene la complessa storia di Fohat quando afferma che “È attraverso Fohat che le Idee della Mente Universale sono impresse sulla materia” ( SD I:85).

Traduzione da www.theosophyforward.com

Vedi altri termini Glossario Essenziale – Indice


RIFERIMENTI
– –